Vai al testo, segue menu Vai all'inizio del menu, segue testo Vai al'inizio del menu

Blankets e varie

Uhm, è da un po' che non scrivo qui, nel frattempo è anche iniziato agosto. Ma un motivo c'è: sono strapieno di cose da fare. Molto. Devo assolutamente finire al più presto il progetto per l'esame di Java ad inizio settembre (mi manca del materiale, ma confido mi arrivi presto), sto dando molte ripetizioni ($$ ma anche fatica), e sto mentalmente entrando nei preparativi per la GMG 2011, che mi porterà a partire per Madrid giovedì 18 (torno il 24, forse posto qualche commento in diretta su Twitter).

Riguardo la GMG, scriverò anche un minimo di diario per raccontare l'esperienza, che verrà pubblicato su Il Piccolo Missionario, la rivista per bambini dei Comboniani.

Al momento la mia scrivania rappresenta perfettamente il mio stato mentale: netbook collegato ad un monitor esterno comprato oggi (un buon usato). Sullo schermo del netbook ho la pagina per aggiornare il blog, e il sito della TIM con le offerte per Internet in roaming, su quello esterno c'è Eclipse aperto col progetto Java. A PC e monitor si affianca il programma scolastico di una ragazza a cui do ripetizioni e per la quale dovrei scrivere dei fogli di esercizi (nel weekend, spero).

Il periodo è anche faticoso, e molto, per il fatto che non vedo Gloria da settimane. È partita il 21 luglio per il Ghana, trascinata dai suoi per la biennale vacanza da quelle parti, e tornerà solo il 26. Ci riusciamo a sentire abbastanza comodamente via GTalk, il che rende la situazione molto migliore di due anni fa, ma assolutamente non piacevole.

Ma qualche rilassante nerdata me la concedo: Topolino questa settimana ha una meravigliosa storia dei Turconi, così come quello di due settimane fa. E sto pian piano recuperando la serie TV Scrubs, davvero niente male.

Ma tra le nerdate, quella di cui più di tutte volevo parlarvi è Blankets. Si tratta di un fumetto, di Craig Thompson. Me lo consigliò caldamente Andrea qualche tempo fa. A casa sapevano che mi interessava, e me lo hanno regalato per l'onomastico. Una delle letture fumettose più belle che io abbia mai fatto.

Si tratta di una autobiografia, che parla dell'infanzia dell'autore, della sua prima storia d'amore, e dell'età adulta. Insomma, è una storia qualunque, non parla di un periodo storico importante, o di un personaggio storico. Sì, oltre alla vita dell'autore traspare un po' uno spaccato della società americana, del suo rapporto con la religione, di cosa funziona e cosa no. Nulla che basti a renderlo interessante.

Ma parlando di tutto questo, ti fa provare dei sentimenti. Tanti. Contrastanti. Forti. È un condensato di emozioni sotto forma di libro. La storia è un po' malinconica, ma viene trasmessa in maniera da renderla un ricordo dolce. È la vita di un altro, con cose che spesso non condivido, ma è trasmessa in maniera da farmela sentire mia. L'autore ha detto che l'idea iniziale era quella di descrivere come ci si sente a dormire vicino a qualcuno per la prima volta. Ci è riuscito, ma ha fatto molto di più. È un libro magico come pochi.

Se non lo avete mai letto, fatelo. Merita moltissimo. È un'esperienza da provare.

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Inserisci un commento

Nome:


Sito web:


Titolo:


Commento:


Quanto fa cinque per sette?

 
© Lorenzo Breda 2005 - 2014. Alcuni diritti riservati
Valid XHTMLWCAG Level AA compilantXFN friendly

Cerca

Me

me

Twitter status

Posizione

Ultimi libri

Ultime foto

Oggi

  • 11:00: Messa
  • 18:00: Vernissage mostra Cannucciari

Domani

  • 16:00: Ripetizioni - Christian

Si dice in giro...

Temporaneamente disabilitato.

Etichette

Blogroll (opml)

Archivio

    Torna al menu | Torna al testo