Vai al testo, segue menu Vai all'inizio del menu, segue testo Vai al'inizio del menu

Hayao Miyazaki - Ponyo sulla scogliera

Da ieri è arrivato nelle sale cinematografiche italiane l'ultimo lavoro del grande Maestro dell'animazione giapponese Hayao Miyazaki, Ponyo sulla scogliera.

Con questo film, Miyazaki torna alla semplicità dei tempi di Il mio vicino Totoro (che avremo al cinema, dopo 21 anni, tra un paio di mesi) e di Laputa, Castello nel Cielo. Il film ci parla di una bimba-pesce, Ponyo, che incontra, fuggendo da suo padre, un bambino umano, Sosuke, il quale la salva. Ponyo decide allora di voler vivere per sempre con Sosuke, diventando umana. La cosa non è però semplice, perché il padre di Ponyo, il misterioso Fujimoto, odia gli umani e farà di tutto per ostacolarla.

Insomma, una trama semplice, che volendo ricorda da vicino la fiaba della Sirenetta (pur discostandosene fortemente), che ci presenta una dolcissima storia di amore e avventura.

Come sempre accade nelle opere del Maestro, il film presenta tutto un background di simboli e concetti che non sfuggiranno allo spettatore adulto, rendendo la storia godibilissima e affascinante ad ogni età.

Le animazioni sono ottime, sia pure con qualche difetto nei primi minuti, durante i quali sono leggermente a scatti (peccato, perché la scena, particolareggiatissima, sarebbe stata un vero capolavoro).

Completano il tutto le splendide musiche del Maestro Joe Hisaishi, che accompagnano meravigliosamente il film e che lo concludono con una graziosissima canzone finale.

Il doppiaggio italiano è decisamente molto buono, anche grazie al fatto che sono stati utilizzati doppiatori che avevano effettivamente l'età dei personaggi. Persino la canzone finale, orecchiabilissima, non perde nulla in musicalità con il grazioso ritornello "Ponyo, Ponyo, Ponyo, pesciolina tu / dal mare tutto azzurro, sei giunta fin quassù! / Ponyo, Ponyo, Ponyo sofficiosa sei / pancino tondo tondo, bambina tu!".

Insomma, un bel film, consigliatissimo. Sicuramente affascinante per i più piccoli, raramente si vedono film d'animazione che possono piacere loro così tanto.
[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Inserisci un commento

Nome:


Sito web:


Titolo:


Commento:


Quanto fa otto per cinque?

 
© Lorenzo Breda 2005 - 2014. Alcuni diritti riservati
Valid XHTMLWCAG Level AA compilantXFN friendly

Cerca

Me

me

Twitter status

Posizione

Ultimi libri

Ultime foto

Oggi (agenda)

  • 18:30: Celebrazione della Passione del Signore

Domani

  • 22:00: Veglia e Messa di Pasqua

Si dice in giro...

Temporaneamente disabilitato.

Etichette

Blogroll (opml)

Archivio

    Torna al menu | Torna al testo