Vai al testo, segue menu Vai all'inizio del menu, segue testo Vai al'inizio del menu

Auguri (e notizie)

Scrivo da queste parti con sempre meno frequenza, e sono effettivamente indeciso sulle sorti di questo blog e dell'intero sito, che vorrei sostituire con qualcosa di piú professionale. In ogni caso, se ho poco tempo per scrivere, ne ho ancor meno per ripensare il sito, quindi mi sa che rimarrà cosí com'è ancora per un bel po'.

Il tempo me lo sta rubando lo studio (con un progetto d'esame particolarmente pesante e noioso), il lavoro (tra ripetizioni e consulenze, per fortuna con belle soddisfazioni su entrambi i fronti) e la stesura di articoli per Googlab (presto cambierà nome in Engeene) e il neonato Amazer.

Vi scrivo per augurarvi sinceramente un buon Natale. Che il Signore possa davvero nascere e rivelarsi nelle vostre vite, perché possiate dire, con Maria:

«Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».

Lc 1,49-55
[ Permalink | 3 commenti | Commenta ]

Gerusalemme

Lo so che è un po' che sono tornato, ma tra lo studio, le ripetizioni che son ricominciate, la Raspberry Pi con cui ho giochicchiato (poco, ma abbastanza per scrivere il post che qualcuno attende, prossimamente) e l'articolone per Googlab che dovrei/vorrei finire entro lunedí (e ne ho altri in programma) il tempo è davvero poco.

Diversi mi hanno chiesto di scrivere qualcosa riguardo il mio viaggio a Gerusalemme, ed in effetti è ora di farlo. Non metto foto qui, ma un album fotografico lo trovate qui. Non ho ancora messo le descrizioni a tutte le foto, ma pian piano lo farò.

L'idea dietro al viaggio era quella di vedere Gerusalemme (e Betlemme, dove siamo stati un giorno) come terra nella quale la Parola ha avuto luogo, e che il Signore ha vissuto. Dare un luogo e un background culturale alla Parola, vedendo cosí come il luogo stesso è parte della Parola. E si fa presto a rendersi conto come molte cose diventino effettivamente più semplici da comprendere guardando con i proprî occhi dove e come si sono svolte. Mi ha affascinato molto vedere i paesaggi, scoprire i luoghi, la geografia, anche solo i tempi di percorrenza (siamo andati ovunque a piedi, tranne il tratto Gerusalemme-Betlemme). Ma in realtà è molto di più ciò che colpisce, ed è difficile da spiegare.

Questo vivere e scoprire i luoghi, che ci è anche stato permesso dal fatto che il viaggio non era organizzato da altri, e ci siamo quindi potuti prendere tempo e spazio necessarî, è stato un'esperienza davvero grandiosa. E grandiosa è stata l'esperienza della comunione fra noi. Posso dire di aver conosciuto, sul serio, bellissime persone mai viste prima e le loro esperienze di fede, ed aver conosciuto e capito meglio persone che credevo di conoscere da anni. Non è la prima volta che sento quel clima di serenità, fiducia e molto altro che solo la presenza di Cristo sa creare, ma ogni volta è qualcosa che sorprende.

I lati negativi la Terrasanta li ha. E sí, è brutto vedere giovanissimi soldati armati ovunque. Ed è brutta la scortesia e la totale e completa assenza di rispetto verso chiunque da parte della popolazione islamica (e non me li difendete qui, che vado avanti per giorni a rispondervi male, se non vi spedisco direttamente lí). Ma ciò che davvero sconcerta e rattrista è la litigiosità tra i cristiani. E non solo tra cattolici e ortodossi, ma anche tra riti interni ai due grandi gruppi. Lo sapevo, ma vederlo è diverso.

L'esperienza più bella di tutto il pellegrinaggio è arrivata la mattina stessa della partenza. Abbiamo celebrato l'Eucaristia all'interno del Santo Sepolcro (non la Basilica, proprio il Sepolcro). Vivere la Pasqua nel luogo in cui la Pasqua è avvenuta, condividendola con persone ormai tutte davvero amiche, non è descrivibile.

Mi sono così riportato a casa un modo diverso di vedere la Parola, un sacco di insegnamenti dai riti ebraici zeppi di significati, l'aver vissuto una marea di emozioni difficili non solo da descrivere ma anche da immaginare prima di averle vissute, e un nuovo incontro con Cristo (che me ne ha dette quattro come al solito, ma di questo non parlo qui). E tanta gente per cui pregare, conoscendo il loro cammino.

Spero di tornarci presto.

[ Permalink | 3 commenti | Commenta ]

In partenza

Poco tempo per scrivere qui, ma vabbè.

Sto facendo gli ultimi (in realtà c'è ancora un casino di roba da fare) preparativi per il campo estivo. Partiremo lunedì per raggiungere la Valle Aurina (Alto Adige), dove staremo fino a sabato. Sei giorni che saranno sicuramente piuttosto faticosi, ma anche tra i migliori dell'anno per i gruppi giovanili in parrocchia. Primo campo sulle Dolomiti, che non vedo da due anni (lo scorso anno è stata un'estate davvero difficile). Non ho mai fatto passare, in tutta la mia vita, due anni senza vedere le Dolomiti. Mi mancano.

E sulle Dolomiti tornerò il sabato successivo, in Val di Fassa, posto che mi è ormai familiare, con i miei e la famiglia. Resterò solamente una settimana (i miei restano lì per tre settimane...), ma sarà una settimana di lunghe passeggiate, dove potrò vivermi per bene la montagna, senza campo estivo attorno :P

Il motivo per cui torno a Roma prima, da solo in treno (che devo ancora prenotare...), e facendo scalo a Firenze, è che a Roma mi aspetta il treno per Gerusalemme. Partirò l'otto agosto, con un gruppo di amici della parrocchia e con il nostro sacerdote, per un viaggio organizzato da noi, senza agenzie di viaggio invadenti. Non vedo davvero l'ora di arrivarci, ed è ciò a cui più mi sto preparando in questo periodo.

Poi di nuovo a Roma, a re-immergermi nello studio.

Nel frattempo sto scrivendo parecchio su Googlab, blog di ottimo livello riguardo Google. Dateci un'occhiata!

[ Permalink | Un commento | Commenta ]

Aggiornamenti

Wow, è un mese che non scrivo da queste parti, sempre poco tempo a disposizione...

Cosa dire, si avvicina il periodo degli esami, non facili dopo un semestre davvero schifoso per quanto riguarda la struttura dei corsi all'università. Qualcosa di ben fatto c'è, ma doversi studiare da solo parecchia roba a causa di corsi malfatti non è stato carino.

L'estate è piena di progetti, concentrati nel poco tempo che avrò a disposizione. Tra questi, il più grande è un breve viaggio a Gerusalemme, che farò ad inizio agosto (i soldi mi basteranno appena, ma credo proprio ne valga la pena). Questo mi impedirà probabilmente ancora una volta di stare a lungo sulle Dolomiti, e forse mi impedirà proprio di andarci, ma vabbè. Oggi verserò l'acconto e la prossima settimana farò il passaporto.

Si avvicina anche il mio terzo anno accanto a Gloria, con un futuro assieme che si fa sempre più tangibile e concreto, e mi fa sempre di più progettare la mia vita anche in funzione di questo. È un dono meravigliosamente grande.

Per la parrocchia spero anche di riuscire, nonostante gli esami, di fare servizio per il Campo Estivo dei ragazzi, attività che amo molto e che ha portato grandi frutti in questi anni. Ogni anno dico di avere gli esami, e ogni anno mi trovo libera quella settimana. Speriamo bene. Sarà l'ultimo campo con Don Alessandro, il sacerdote che ha guidato la ripresa delle attività con i giovani, dato che lui è finalmente riuscito ad ottenere di seguire la sua vocazione e partire in missione. Spero che chi lo sostituirà sappia affidare il suo ministero alla volontà di Dio, come lui ha fatto finora.

A presto, spero!

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Cartoomics 2012

Ehi, ma è passata più di una settimana dal Cartoomics e ancora non ho scritto neanche due righe da queste parti? Bah, sempre troppo poco tempo a disposizione...

Sí nel weekend 16-17-18 sono stato, con Gloria, al Cartoomics, la fiera del fumetto di Milano. La fiera è appuntamento ormai fisso dallo scorso anno, grazie all'ospitalità del buon Bramo, e quest'anno, a differenza dello scorso anno, c'era anche una buona delegazione del Sollazzo.

Che dire, nonostante io sia in un periodo di squattrinamento totale (poche ripetizioni da queste parti...), me la sono goduta non poco. Rivedere gente del Sollazzo che non vedevo da Lucca scorsa, rivedere gente del Sollazzo che non vedevo da Cartoomics scorsa, abbandonarsi al delirio nerd, sentire quella caratteristica puzza di nerd in fiera. Sono cose che mancano, durante la vita reale :P

La fiera era un po' più grande dello scorso anno, e forse anche un po' più ricca (a differenza di me). In fondo si prepara, l'anno prossimo, a debuttare a FieraMilanoRho, spazio espositivo decisamente più grande di FieraMilanoCity. C'era bella gente in giro (vabbè, non del tutto, c'era Vitaliano...), c'erano parecchi editori (grossa pecca l'assenza di un vero e proprio stand della Bao) e sono riuscito anche a comprare cose.

Tra le cose, particolarmente degno di nota è stato il fumetto Neil Young Greendale, della Bao, comprato semplicemente per l'ottima confezione e rivelatosi ottimo anche nei contenuti.

Insomma, un bel weekend, nonostante l'odissea ferroviaria (mai più un Intercity in vita mia, spero). Chissà che il Cartoomics non diventi occasione fissa per un secondo raduno annuale sollazzesco, che Lucca è davvero troppo poco. Intanto non vedo l'ora di vedere cosa faranno l'anno prossimo a Rho.

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

L'opera di un Altro

Diceva: «Cosí è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura.»
(Vangelo di Marco, 4,26-29)

Volevo scrivere questo post tre giorni fa, ma ho avuto problemi con il PC e molto tempo occupato a risolverli. Anche scriverlo oggi, alla fine di questa terza domenica di avvento in cui si celebra la gioia del Natale ormai vicino, non è affatto male.

Giovedí 8, trenta ragazzi della mia parrocchia hanno ricevuto il sacramento della Cresima. Sedici di loro hanno fatto il loro cammino di preparazione con me e con Pino (ogni gruppo è affidato a due catechisti). Molti di loro si sono preparati con me anche alla comunione, quindi li seguo ormai da cinque anni.

Sono stati cinque anni davvero meravigliosi, in cui ho visto realizzarsi pienamente la Parola che ho riportato per introdurre queste righe. Si sono compiute sotto ai miei occhi, tra le mie mani, cose enormemente piú grandi di quelle che posso essere in grado di compiere io. Ed è molto tranquillizzante vedere cose grandiose realizzarsi quasi da sole. In fondo ci vuol poco a mettere un seme, è faticoso, ma è nulla se si pensa alla bellezza di un campo di spighe di grano.

Oggi quindici dei ragazzi erano a messa. E non è l'unica messa, quindi suppongo che altri siano andati. Mercoledì chiederemo loro se vogliono continuare il loro cammino con il dopocresima (altra opera enorme cresciuta sotto i miei occhi, da quattro a sessanta ragazzi in due anni), e so già che molti di loro diranno di sí, anche grazie alla testimonianza di chi li ha preceduti. Una messe abbondante e abbastanza insperata.

Lascerò, almeno per quest'anno, la catechesi sacramentale. Non ho tempo, per cause di studio. Proseguirò solo il mio impegno col dopocresima. Concludere così quest'esperienza, nell'attesa di poter ricominciare, è davvero bello. Mi aspettavo di uscirne soddisfatto, e invece ne esco ammirato per l'opera di qualcun Altro.

Non resta che ringraziarlo.

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Dopo Lucca

Dai, un resoconto di Lucca ci vuole.

Sono partito da Roma con Tigrotta ed Eddy, del Sollazzo, e a Firenze abbiamo recuperato Gloria ed Icnarf e a Lucca ci siamo uniti a Zangief. In serata ci ha raggiunti Grrodon, e il giorno successivo sono venuti Bramo, Vito ed Isa a completare la sollazza delegazione.

Ed è stata un'ottima Lucca, forse la migliore che abbia vissuto. Prima di tutto, cosa più unica che rara, non ha MAI piovuto. Da non credere. Poi la fiera durava cinque giorni, e passare cinque giorni in ottima compagnia nel paese dei balocchi è davvero un'ottima cosa. Anche la totale assenza di fila in biglietteria, e l'assenza di calca anche nei giorni più affollati (complice il bel tempo) hanno aiutato.

Siamo stati anche piuttosto bene a casa, dall'ormai nostro solito ospite, il quale ci ha anche invitati domenica sera all'apericena. In sostanza, due volte a settimana, nel ristorante che credo sia suo, ci si può strafogare di cibo a cinque euro. Qualcosa di epico per un gruppo di squattrinati nerd che sono andati avanti a cibo arrangiato e piatto di pasta la sera.

Moltissimi gli incontri di autori, in particolare la magnifica coppia, nel lavoro e nella vita, formata dai bellissimi Teresa Radice e Stefano Turconi, sempre entusiasti del loro lavoro e pieni di progetti e speranze. Abbiamo pranzato assieme a loro noi sollazzieri e qualcuno del Papersera, e abbiamo riempito il povero Stefano di richieste di disegni, che sulla tovaglia / si disegna meglio. Ma abbiamo anche incontrato Sciarrone, che aveva appena acquistato una grossa action figure di un mecha, accompagnato dalla simpatica moglie e dalla figlioletta che leggeva gli Zannini invece che le storie magnificamente disegnate dal padre, ci siamo fatti una chiacchierata con Fausto Vitaliano, brutto e cattivo come al solito, ma sempre disponibile a scambiare qualche opinione con noi nerdacci. E Silvia Ziche, con qualità antitetiche rispetto a quelle di Vitaliano, che mi ha finalmente autografato il volumetto Papernovela/Topokolossal. E abbiamo visto, neanche troppo da lontano, Jeff Smith, ospite della Bao Publishing, e Craig Thompson, ospite della Rizzoli Lizard. Ovviamente autografi di entrambi.

A Lucca ho incontrato anche nerd sparsi per l'Italia, come Elena che non avevo mai avuto occasione di incontrare, o Gourry e Skay, romani con cui però ci si vede poco. E fa sempre piacere. Molto.

Gli acquisti sono stati molti e varî. La casa editrice più bella si riconferma la ormai-non-più-tanto-neonata Bao Publishing. Piena di ottime edizioni di ottimi fumetti. Una trappola per nerd. Un magico stand che trasforma i soldi in fumetti. Qualcosa da cui sai che dovresti girare alla larga, ma no, proprio non ci riesci. Offerta molto interessante anche da parte della Renoir, che di solito notavo poco. Sempre meno interessante invece la BeccoGiallo.

La Disney aveva uno stand enorme e bello. Vendevano cose, non succede quasi mai. Di solito è tutta pubblicità. Ma soprattutto erano esposte anteprime di storie future decisamente molto promettenti. E degli ottimi acquerelli. Una gioia per gli occhi vederli, e una gioia per lo spirito sapere che Topolino manterrà l'ottima strada intrapresa negli ultimissimi tempi.

Curiosamente non ho fatto acquisti negli stand delle fumetterie che vendono usato. È il primo anno che mi succede. Eppure qualcosa che cercavo c'era. Boh, mi è sembrato avessero tutti la stessa, poco interessante, offerta.

Sono tornato a casa col portafogli decisamente alleggerito, ma con un carico tale di mondi da scoprire e pagine da leggere che quei soldi proprio non mi mancano. Tanto più che l'esperienza, indipendentemente dagli acquisti, è stata ottima. Non conosco nessuna community online che si faccia Lucca vivendo assieme. I casini ci sono, ma è bellissimo.

Se volete curiosare, trovate qualche foto nel mio post sul Sollazzo

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Lucca 2011

E anche quest'anno si va a Lucca Comics & Games!!

Ci sarò tutti i giorni, da venerdì pomeriggio, con Gloria e con una decina di figuri de La Tana del Sollazzo. La fiera dura un giorno in più del solito, e le cose da vedere e da comprare sono davvero tante. Non vedo l'ora

Se riesco, comunicherò le cose principali in diretta sull'account twitter. Stay tuned!

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Settembre ed esami

Settembre, si ricomincia con gli esami!

Oggi consegniamo finalmente il progetto di Metodologie di programmazione, da discutere poi in un orale il 16. Questo progetto, un software (semplificato) di gestione di un'agenzia di viaggi, scritto in Java, ci ha fatto penare tutta l'estate, rivelandosi davvero sproporzionato per i crediti dati, ma vabbè, ce la abbiamo fatta.

Domani provo a ridare la parte scritta (un test a crocette banale, ma al quale non eravamo stati ben preparati) di Architettura degli elaboratori. Presi 21 al test e 28 al pratico (un esame di Assembly), e mi scoccia rovinare il voto complessivo.

A fine mese, invece, avrò due coppie scritto/orale, tra l'altro nella stessa settimana, per gli esami di Calcolo integrale (facile e sostanzialmente già dato a Fisica), e Algoritmi (decisamente meno facile).

Esami a parte, le cose vanno benone. Ho avuto due nuove proposte di lavoro per siti web, ancora da discutere e definire, ma credo se ne faccia qualcosa di buono. Le lezioni all'università saranno il pomeriggio, e questo mi impedirà di dedicare molte ore alle ripetizioni, ma dovrei riuscire ad organizzarmi abbastanza bene.

Dai, al lavoro!

Danza matematica

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Firmes en la fe

logo GMG

Sono tornato dalla GMG giovedì sera. L'esperienza è stata davvero splendida, pur avendo avuto alcuni aspetti negativi. Ma andiamo con ordine.

Il sacerdote che gestisce la pastorale giovanile non ha potuto accompagnarci. Al suo posto ci ha accompagnato un altro sacerdote della nostra parrocchia, che ci ha aggregato al gruppo della comunità a cui appartiene. Il gruppo era composto da quattro sottogruppi. Uno, grande, era di una parrocchia della comunità. Gli altri, invece, erano gruppi di parrocchie accompagnati come noi da un sacerdote della comunitè.

Già da subito, tanto il registro linguistico utilizzato per le catechesi, quanto gli argomenti stessi delle catechesi, ci hanno disturbato non poco. E a questo si è aggiunta una serie di norme comportamentali eccessivamente rigide in alcuni casi e lassiste in altri, mai adeguatamente giustificate, che hanno contribuito a tentare di compromettere l'esperienza.

Nulla (o quasi) di male nell'imporsi alcune norme o nel fare catechesi in un certo modo, ma l'imporle a tutti, quando almeno due gruppi, ma anche qualcuno in più, sono rimasti, eufemisticamente, perplessi non è stato affatto bello. Ci è stato detto che aggregandoci a loro non possiamo non seguire le loro scelte, ma nessuno ci aveva detto in anticipo che sarebbe stato così.

Ho avuto anche problemi con il telefono, la TIM mi ha fatto fuori tutto il credito (devono ancora rimborsarmi...) per errori con la tariffa per Internet. Non ho quindi praticamente potuto sentire Gloria quasi per nulla, in questi giorni.

Ma in fondo la GMG è ben di più, ed è davvero difficile da rovinare sul serio. Vedere persone da tutto il mondo, alcune arrivate dopo viaggi lunghissimi (ho chiacchierato con una ragazza di Samoa, per dire...), condividere con loro la propria esperienza di fede, la preghiera, il modo stesso di pregare e di vivere la fede, e questi giorni così intensi ed importanti per le nostre vite è stato meraviglioso.

Sono riuscito a vedere davvero come Dio e la sua Parola arrivino veramente a tutti. Persone con culture, storie e vite completamente diverse condividono la stessa mia fede. Fede che esce moltissimo rafforzata da queste giornate, grazie sia alla preghiera che all'esperienza vera e inequivocabile di cosa sia la Chiesa.

Anche le esperienze negative mi hanno dato molto, e mi hanno portato a riflettere su molti aspetti negativi di me stesso, che ho criticato negli altri per poi vederli in me e nella mia vita. E anche in questo sono tornato diverso e più forte contro alcune tentazioni, ed è stato un dono grande che il Signore mi ha fatto.

La veglia a Cuatro Vientos è stata grandiosa. Siamo arrivati a metà giornata, con un sole assurdo continuato fino a sera, e con le difficoltà a reperire l'acqua (l'organizzazione non era davvero un gran che). In serata il cielo si è annuvolato, e ci siamo presi, un acquazzone in più tempi in piena regola, ricevendo tutta l'acqua che abbiamo chiesto nel pomeriggio. La notte è, grazie a Dio, stata tranquilla e asciutta, e il terreno polveroso e arido dell'aeroporto non ha fatto troppo fango.

Splendide le tre catechesi del Papa, al suo arrivo, alla Via Crucis e alla veglia, e anche le due catechesi silenziose che ci sono arrivate dalla sua Adorazione Eucaristica e dal suo restare con noi nonostante diluviasse (il palco era scoperto) e gli consigliassero di interrompere tutto e andarsene. Vederlo felicissimo tra noi, felicissimo con noi che gridavamo alla pioggia, è stata la conferma che tutte le sue parole fossero davvero sentite e vere.

La città, nonostante la cattiva organizzazione, è stata accogliente. Vedere i madrileni per strada fermarti, chiederti come sta andando, dove dormi, di dove sei, vederli ringraziarti per essere venuto, riempie davvero di gioia. Il tratto di strada tra la stazione della metropolitana e l'aeroporto di Cuatro Vientos era completamente trascurato dall'organizzazione, ma i madrileni hanno pensato a spruzzarci dai palazzi con i tubi per irrigare. Bellissimi i bambini che ci offrivano bicchieri d'acqua dalle finestre...

A Madrid sono nate anche nuove amicizie, che spero cresceranno da ora in poi, forti dell'esperienza comune che le ha fatte nascere e delle tante esperienze che ci porteranno a vivere. Ho fatto firmare la mia bandiera a diversi gruppi e persone da molte nazioni, e sarà la prova tangibile di tutto ciò che mi porto dentro da questa giornata. Estendo a tutti voi l'invito fattomi da un gruppo di brasiliani di Rio: Ci si vede a Rio, nel 2013!

Bandiera

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Blankets e varie

Uhm, è da un po' che non scrivo qui, nel frattempo è anche iniziato agosto. Ma un motivo c'è: sono strapieno di cose da fare. Molto. Devo assolutamente finire al più presto il progetto per l'esame di Java ad inizio settembre (mi manca del materiale, ma confido mi arrivi presto), sto dando molte ripetizioni ($$ ma anche fatica), e sto mentalmente entrando nei preparativi per la GMG 2011, che mi porterà a partire per Madrid giovedì 18 (torno il 24, forse posto qualche commento in diretta su Twitter).

Riguardo la GMG, scriverò anche un minimo di diario per raccontare l'esperienza, che verrà pubblicato su Il Piccolo Missionario, la rivista per bambini dei Comboniani.

Al momento la mia scrivania rappresenta perfettamente il mio stato mentale: netbook collegato ad un monitor esterno comprato oggi (un buon usato). Sullo schermo del netbook ho la pagina per aggiornare il blog, e il sito della TIM con le offerte per Internet in roaming, su quello esterno c'è Eclipse aperto col progetto Java. A PC e monitor si affianca il programma scolastico di una ragazza a cui do ripetizioni e per la quale dovrei scrivere dei fogli di esercizi (nel weekend, spero).

Il periodo è anche faticoso, e molto, per il fatto che non vedo Gloria da settimane. È partita il 21 luglio per il Ghana, trascinata dai suoi per la biennale vacanza da quelle parti, e tornerà solo il 26. Ci riusciamo a sentire abbastanza comodamente via GTalk, il che rende la situazione molto migliore di due anni fa, ma assolutamente non piacevole.

Ma qualche rilassante nerdata me la concedo: Topolino questa settimana ha una meravigliosa storia dei Turconi, così come quello di due settimane fa. E sto pian piano recuperando la serie TV Scrubs, davvero niente male.

Ma tra le nerdate, quella di cui più di tutte volevo parlarvi è Blankets. Si tratta di un fumetto, di Craig Thompson. Me lo consigliò caldamente Andrea qualche tempo fa. A casa sapevano che mi interessava, e me lo hanno regalato per l'onomastico. Una delle letture fumettose più belle che io abbia mai fatto.

Si tratta di una autobiografia, che parla dell'infanzia dell'autore, della sua prima storia d'amore, e dell'età adulta. Insomma, è una storia qualunque, non parla di un periodo storico importante, o di un personaggio storico. Sì, oltre alla vita dell'autore traspare un po' uno spaccato della società americana, del suo rapporto con la religione, di cosa funziona e cosa no. Nulla che basti a renderlo interessante.

Ma parlando di tutto questo, ti fa provare dei sentimenti. Tanti. Contrastanti. Forti. È un condensato di emozioni sotto forma di libro. La storia è un po' malinconica, ma viene trasmessa in maniera da renderla un ricordo dolce. È la vita di un altro, con cose che spesso non condivido, ma è trasmessa in maniera da farmela sentire mia. L'autore ha detto che l'idea iniziale era quella di descrivere come ci si sente a dormire vicino a qualcuno per la prima volta. Ci è riuscito, ma ha fatto molto di più. È un libro magico come pochi.

Se non lo avete mai letto, fatelo. Merita moltissimo. È un'esperienza da provare.

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Due anni

Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio,
e narrerò quanto per me ha fatto.

Salmo 66,16.20

Sono in treno, sto andando a Firenze, dove mi aspetta Gloria per trascorrere assieme il nostro secondo anniversario :D

E questo nostro secondo anno assieme è stato meraviglioso, forse ancora più del primo. Abbiamo avuto indicazioni sulla via da seguire, ci siamo presi del tempo per riflettere bene sulla nostra storia e su quello che stiamo costruendo. E ci siamo lasciati alle spalle alcune cose poco piacevoli. Insomma, un anno in cui siamo cresciuti un bel po' assieme, forse anche più di quello che immaginavamo necessario.

E ora ci aspetta un nuovo anno, e chissà quanti altri doni il Signore metterà sulla nostra strada. È bello avere ormai esperienza del fatto che per quanto ci si possa aspettare determinate cose, alla fine tutto sarà diverso e più bello...

Ringrazio il Signore per avermi fatto incontrare Gloria, e per avermela fatta conoscere. E per questi due splendidi anni assieme, e per tutti quelli che verranno. E lo ringrazio per come ci farà superare la prova di quest'estate, in cui saremo costretti a stare (molto) lontani per un tempo davvero troppo lungo, e già riaffiorano pessimi ricordi riguardo questo.

Uff, ancora un paio d'ore a Firenze. Non vedo l'ora.

[ Permalink | 2 commenti | Commenta ]

Appunti di informatica

Considerandomi un esperto di computer, e ignorando il fatto che ho raramente a che fare con le follie di windows, spesso mi si chiedono consigli e istruzioni per fare cose col PC.

In questi anni di richieste, mi sono fatto un'idea di quali siano i problemi più frequenti, e di come si possano risolvere o evitare.

Qualche giorno fa, allora, mi sono detto: "Perché non aprire un blog in cui mettere un po' di guide e consigli di base per chi è alle prime armi o utilizza il PC senza sapere bene cosa fa esattamente?". Detto fatto, è nato Appunti di Informatica, il mio blog di divulgazione informatica. Il sito si autopresenta da queste parti, quindi non ci spenderò altre parole.

Enjoy!

[ Permalink | 2 commenti | Commenta ]

Giugno

Come ho già avuto modo di dire un annetto fa, giugno è un po' il mio personale capodanno. Si chiude un anno, si chiudono man mano le varie attività, per lasciare il posto all'unica attività superstite: lo studio. Pur non essendo più a Fisica, e a rigore neanche a Scienze, sono comunque in un dipartimento che nasce a Scienze e che come tutta Scienze è in piena attività esamosa fino a fine luglio.

Si è già concluso, per quest'anno, il cammino del gruppo di Dopocresima, che è una tra le opere più grandi che il Signore ha fatto crescere sotto i miei occhi in quest'anno. L'anno scorso la crescita fu enorme, e quest'anno si sono creati ben altri due gruppi, con i cresimati di inizio anno. E ci sono tutte le premesse per fare ancora altri due gruppi l'anno prossimo, con gli iscritti al campo estivo che per il momento sono una settantina (tre volte quelli dello scorso anno, e lo scorso anno il passaggio dal campo al Dopocresima fu per molti piuttosto diretto). L'incontro conclusivo è stato molto bello, con un momento di condivisione dell'esperienza, e una cena tutti assieme. Mai mi sarei aspettato una cosa così grande; e bella quando cominciammo.

Finito anche il cammino con i ragazzi della catechesi, che l'anno prossimo, dopo un paio di mesi di catechesi, riceveranno il sacramento della Confermazione. Molti di loro li ho accompagnati da quando si sono affacciati alla catechesi, li ho portati a ricevere l'Eucarestia, e ora si avvicinano alla conclusione del loro cammino di iniziazione. Vederli crescere, e vedere la bellezza dell'opera di Dio in molti di loro, è una cosa meravigliosa, e da la certezza che quanto è stato seminato dal Signore attraverso noi catechisti e la nostra fatica non andrà perduto in nessuno di loro. Non credo che il prossimo anno prenderò un altro gruppo di catechesi, spero di potermi concentrare solo sull'attività del Dopocresima. Mi metterò a disposizione della Chiesa, e vediamo di cosa c'è bisogno.

E stanno finendo anche le varie attività lavorative, a brave mi pagheranno il sito TeaTrillo, realizzato per un progetto teatrale, e sto finendo il lavoro sul sito dell'Opera don Calabria di Roma, che ho consegnato ma che è in realtà ancora ampiamente in costruzione. E con la fine dell'anno scolastico si stanno concludendo anche le ripetizioni, che sono state davvero molte.

Le cose ancora da fare sono la conclusione dell'anno accademico e l'organizzazione del campo estivo.

L'anno accademico, molto particolare considerando che ho ricominciato da quasi zero, è andato piuttosto bene. Devo dare quattro esami tra fine giugno e fine luglio (a grandi linee: analisi matematica, java, algoritmi, assembler). In questo mese, per due degli esami, devo scrivere un bel po' di codice da presentare a fine corso.

La proposta del campo estivo, come ho detto, è stata un successone. Ho subito dato la mia disponibilità per l'organizzazione, convinto di non poter poi partecipare a causa degli esami. E invece, incredibilmente, in quei cinque giorni non ho esami, e quasi certamente mi troverò a partecipare. E ci tenevo parecchio, considerando che quest'anno partecipano sia i ragazzi che seguo nel Dopocresima, sia quelli che seguo nella catechesi sacramentale. C'è un bel po' di lavoro da fare, ma come è stato chiaro lo scorso anno, il grosso lo fa Dio, e lo fa anche bene.

E il dono più bello che Dio mi ha fatto nella mia vita, il mio cammino con Gloria, si avvicina al suo secondo compleanno, chiudendo un anno meraviglioso, e aprendone uno nuovo sicuramente altrettanto splendido. Ma questo è un altro post.

[ Permalink | Un commento | Commenta ]

Dopo Milano

Giusto una riga per linkarvi il resoconto del viaggio a Milano, e per permettervi di commentare eventualmente qui. Il resoconto si trova da queste parti.
[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Verso Milano

Uhm, è ormai un po' che non scrivo post egocentrici, è ora di farlo.

Febbraio, come ogni anno, è mese di esami. Ed è la mia prima sessione di esami ad Informatica, un po' alleggerita dal fatto che mi hanno riconosciuto alcuni esami fatti a Fisica (o meglio, è molto probabile che me li riconoscano).

La scorsa settimana ho passato Progettazione di sistemi digitali (rappresentazione dei dati, circuiti logici con e senza memoria) con un buon 26, che mi ha però lasciato un po' l'amaro in bocca a causa del sistema di valutazione utilizzato dal prof, che non era quello che l'assistente (che di fatto ha tenuto il 90% abbondante delle lezioni) ci aveva comunicato. Insomma, puntavo al 30. Ma chissene, in fondo.

Venerdí, invece, ho l'esame di Metodi e modelli matematici per l'informatica, ovvero in sostanza logica matematica (teoria degli insiemi, numeri naturali, algebre di Boole, analisi degli enunciati e dei predicati). La materia è appassionante, e la prof riesce a renderla anche migliore con un po' di storia della matematica, ma non è una materia con cui mi trovo molto a mio agio. Parto quindi da un voto bassino con gli scritti, spero di dare un orale abbastanza buono da avere un voto ragionevole.

Le lezioni riprenderanno il 14, quindi ho anche un po' di pausa, in cui probabilmente lavorerò al nuovo sito dell'Opera don Calabria di Roma, che sto realizzando e che verrà lanciato presto.

Il tempo di pausa, e da qui il titolo di questo post, me lo sono creato apposta. L'esame dato la scorsa settimana, infatti, lo diedi forzatamente in prima sessione per essere libero in seconda sessione (l'11). Dall'11 al 13 sarò infatti a Milano, con Gloria.

La scusa ufficiale è il Cartoomics, la fiera del fumetto di Milano, che si svolgerà proprio in quei giorni. Ma il motivo più atteso e reale è reincontrare Andrea e Marta, una coppia di amici sollazziani, che ci ospiteranno. Aspettare la prossima Lucca Comics per rivederci era effettivamente davvero troppo. Sarà la mia prima volta a Milano, città che mi incuriosisce parecchio per motivi svariati. Ovviamente anche la parte fieristica ha il suo peso, dovuto soprattutto al fatto che abbiamo dato appuntamento ad un po' di autori disneyani ^__^

Insomma, ora me ne torno a studiare, che venerdí mi aspetta quest'ultimo esame per questa sessione :D

[ Permalink | Un commento | Commenta ]

GT-I5500

Come promesso, eccomi a parlare del mio nuovo telefono.

Prima, però, un po' di storia, che si rende necessaria per comprendere la portata dell'evento

.

Resistetti senza cellulare fino ad aprile 2004. In quell'anno mi regalarono un Nokia 3510i, cellulare al quale sono tutt'ora piuttosto affezionato. Pratico, comodo e con un'autonomia pazzesca, si è fatto utilizzare senza problemi per anni, rendendomi decisamente integrato con la sua interfaccia. Mi venne impostata una suoneria (Upswing) più o meno per scherzo un paio di estati dopo, mentre animavo un GREST, alla quale mi sono abituato al punto da cambiarla con difficoltà. Insomma, il 3610i è stato il MIO telefono, per parecchio tempo. Tutti passavano a telefoni superaccessoriati, e io continuavo a ritenere fosse del tutto inutile.

Un annetto fa circa, il 3510i mi ha lasciato. Inizialmente non funzionava bene uno dei tasti, poco utile. Man mano, se ne sono rovinati altri, fino a renderlo completamente inutilizzabile, nonostante si trovi tutt'ora a portata di mano vicino la scrivania. Mio malgrado, ho dovuto sostituirlo. Volevo farlo per bene, ma non avendo la necessaria pecunia, presi un vecchio telefono di mio padre, il Nokia 6610, che aveva il vantaggio di avere un'interfaccia non troppo dissimile dal mio telefono. Ma non aveva la mia suoneria (subito trasferita, nonostante non fosse semplice, considerato che il 3510i non poteva essere collegato al PC e il 6610 avesse come unica interfaccia di collegamento l'infrarosso), non era del tutto identico, e, in generale, non era il mio telefono.

E così giungiamo ai nostri giorni. A fine novembre mi sono deciso a fare il grande passo. Ho acquistato un Samsung GT-I5500, noto anche come Corby Smartphone o come Galaxy 5.

Si tratta di uno smartphone con sistema operativo Android (2.1, pare uscirà a breve l'aggiornamento ufficiale 2.2), il sistema operativo sviluppato da Google.

Dopo averlo lasciato per un mese in assistenza per dei problemi al GPS (ci doveva mettere mooolto meno, ma al centro di assistenza dimenticarono di spedirlo per la riparazione -___-), posso finalmente parlarne un po', essendo riuscito a provarlo per bene

Le due cose che cercavo, per pareggiare la perdita del 3510i, erano una buona gestione di posta elettronica ed agenda, che sono due strumenti che ormai sono per me abbastanza essenziali. E sono stato pienamente accontentato. L'integrazione con Gmail, che utilizzo, è pazzesca, e ricevo le mail praticamente in tempo reale. Anche il software per l'agenda è molto, molto ben fatto, ed è integrato con Google Calendar, con cui a mia volta ho integrato questo sito riscrivendo qualche riga di codice. L'integrazione con i servizi di Google va ben oltre, ovviamente. C'è addirittura Picasa, che però non utilizzo.

A parte queste due fondamentali funzioni, ho trovato molto comodo e molto preciso anche il GPS. Nel telefono ci sono preinstallati Google Maps (che, se utilizzato in modalità mappa senza foto satellitare, consuma pochissima banda), e un navigatore da automobile (vale la stessa considerazione). Ho anche installato una mappa offline basata su OpenStreetMap (MapDroyd), un software per il geocaching (c:geo), un'ottima bussola (il telefono ha anche una bussola elettronica) e Google SkyMap, un planetario a realtà aumentata (pazzesco).

Comodissimo ovviamente anche il WiFi, per quanto i 250MB settimanali che la TIM mi concede, se ci si risparmia Youtube, bastano e avanzano

L'apparato di applicazioni scaricabili è enorme, ma tanto. E moltissime sono gratuite. Tra tutte, segnalo soprattutto quella di DropBox (archiviazione remota, gratis), Orari Trenitalia Pro (pagamento risibile, la versione gratis non mostra la posizione dei treni), IMDb (Internet Movie Database, gratis) e Facebook (gratis). Micidiale anche la neonata Google Books, che non esiste per l'Italia, ma che ho ottenuto di straforo (legalmente, eh).

Gli svantaggi che ho trovato sono fondamentalmente due.

  • Il primo è l'autonomia. Se si utilizza mediamente, sfruttando anche il WiFi, la batteria dura circa una giornata. Non so la media degli smartphone, ma il 3510i arrivava senza problemi ad una settimana. Da questo problema ho tratto due insegnamenti. Se dovete solo chattare, collegatevi senza rete 3G: consuma mostruosamente meno. In ogni caso, meglio il 3G che il WiFi. Quando siete in metropolitana, se non ci sono i ripetitori, spegnete l'antenna: non trovando campo la potenza viene impostata a quella massima, e succhia parecchia batteria (vale per qualunque telefono, eh). Oltre a scaricare la batteria, le onde elettromagnetiche non fanno per nulla bene, non voglio pensare allo schifo elettromagnetico che c'è in un vagone della metro.
  • Il secondo, invece, è il fatto che le applicazioni possono essere messe solo nella memoria interna del telefono, che è poca, un centinaio di MB. La cosa però sarà risolta se pubblicano (come pare certo) l'aggiornamento ad Android 2.2, che supporta la memorizzazione delle applicazioni su SDHC.

Insomma, se cercate uno smartphone economico (199€ di listino, io lo pagai 179€ e oggi lo vidi a 159€) che, anche se senza troppe pretese, faccia bene ciò che uno smartphone deve fare, il GT-I5500 è davvero molto buono. E Android è meravigliosamente ottimo, non spendete un capitale per un iPhone e per i suoi servizi a pagamento, quando ci sono telefoni Android che allo stesso prezzo offrono molto di pi&urgrave;, senza chiedervi un centesimo in più di quanto spendete per il telefono.

[ Permalink | 4 commenti | Commenta ]

2010

E anche il 2010 è ormai agli sgoccioli.

Le cose da dire su quest'anno sarebbero davvero molte. Non riuscirei però a parlare per benino di ognuna, e non voglio fare una listona superficiale, quindi eviterò accuratamente di elencarle.

È bello che, arrivato alla conclusione dell'anno, io possa davvero ringraziare il Signore di tutto ciò che di importante è successo, nonostante alcuni di questi eventi li abbia, sul momento, vissuti con una certa dose di tristezza e dolore. Posso ringraziare sinceramente tanto per le molte cose meravigliose che ho vissuto, quanto per le poche cose molto dolorose.

Questa sera andrò a festeggiare con Tommaso e un po' di amici, anche se purtroppo senza Gloria, per problemi puramente logistici.

Ci si legge presto (ma pur sempre l'anno prossimo) da queste parti, che vi devo parlare di uno degli eventi fondamentali degli ultimi mesi: ho comprato uno smartphone, dopo che l'ultimo telefono che ho avuto è stato il 3510i della Nokia :P

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Fondamenti biblici dell'amore umano

Oggi in cielo è festa, vieni sposo qui con me.
Oggi in cielo è festa, già la sposa è accanto al Re.

Saremo uniti col suo sigillo, il suo Spirito manderà.
Verranno i suoi angeli nella gioia, cielo e terra si toccheran.
E non sarà più amore di uomo, l'amore di Dio sarà.
Venite o genti, sole risplendi, comincia un'eternità.

Tra giovedì pomeriggio e ieri pomeriggio sono stato ad Assisi, con Gloria, per il corso Fondamenti biblici dell'amore umano, tenuto da padre Giovanni ofm e dagli altri frati del SOG OFM di Assisi, anche noto come Corso fidanzàti o Corso fidànzati, a seconda della situazione di chi lo frequenta :P

Il corso, decisamente intensivo, analizzava il rapporto di coppia, in ogni sua fase, alla luce della Parola di Dio e affrontava le situazioni possibili con un sapiente utilizzo delle teorie psicologiche, oltre che teologiche. In quattro giorni, abbiamo ottenuto una notevole quantità di strumenti per cambiare di molto il nostro punto di vista sul nostro amore e sul nostro futuro. E non sto parlando di questioni teoriche, ma di risultati pratici che già da ieri sera erano evidenti.

Un'esperienza faticosa, a volte destabilizzante, ma estremamente bella, che consiglierei a chiunque. È bello vedere che erano presenti più di seicento persone, e che i quattro o cinque corsi che si fanno durante l'anno sono sempre così pieni, ma si tratta di qualcosa che meriterebbe di essere vissuto da moltissima più gente. Può sembrare assurdo farsi insegnare l'amore di coppia dai frati, ma tutte le riserve cadono completamente quando ti vengono date testimonianze di gente che, grazie a quegli insegnamenti, che altro non sono che gli insegnamenti del Dio che ci ha creati e sa chi siamo, vive nella gioia.

Mi aspettavo qualcosa di bello, ma lo è stato sorprendentemente di più. E di bello ha avuto anche l'essere la prima esperienza di preghiera comunitaria che vivo insieme a Gloria, e il primo momento che dedichiamo esclusivamente a guardare seriamente al nostro attuale rapporto per costruire, saldo in Cristo, un futuro assieme.

Che dire, gente, il prossimo corso è dal 13 al 16 gennaio. Prenotate (se ancora c'è posto, ma tanto ce ne sono anche a febbraio e marzo), comprate i biglietti del treno e ringraziatemi.

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Lucca 2010

Ci ho comprato un fumetto
l’avevo già letto
ma vedo brillare La nuova edizione speciale.
è metallizzato
lo tengo imbustato
non mi sembra vero
ho il numero zero!

Ho conosciuto un signore
che ha fatto il fumetto
Più bello del mondo,
è l’autore che amo di più
E dopo una cena
Mi ha fatto un disegno
Che sulla tovaglia si disegna meglio.

M. Poggi - La canzoncina di Lucca Comics & Games

Sono tornato lunedì sera da Lucca. Una buona fiera, piena di acquisti e incontri. Piacevolissimo conoscere le new entry e conviverci per qualche giorno, fantastico essere circondato per un po' da gente con cui parli 24/7 di fumetti, videogiochi e nerdate varie senza sembrare del tutto folle, e bello stare finalmente qualche giorno di seguito con Gloria.

Il mio resocontone, con qualche foto (costume da Tiana di Gloria compreso), si trova da queste parti, dateci un'occhiata :D

[ Permalink | 2 commenti | Commenta ]

Verso Lucca

Piena di vita
Piena di gente
Non manca niente
Nella mia città
Che è la più grande
Più bella ma
Puntualmente ogni anno
Stessa ora, stesso giorno
Prendo il treno e mi ritrovo sempre qua.
A Lucca Comics!


M. Poggi - La canzoncina di Lucca Comics & Games

È un secolo che non scrivo, fondamentalmente per assenza di tempo e voglia per cause varie di cui qui non parlo.

Ora la situazione è un po' più tranquilla, e si sta avvicinando un evento. Anzi, l'evento. E sono costretto a scrivere. Venerdì, puntuale, inizia la fiera di Lucca Comics & Games, ovvero la più grande fiera del fumetto e del gioco in Italia. E io, puntuale quanto la fiera, parteciperò, insieme a Gloria e alla gente del Sollazzo.

Quest'anno avremo addirittura una delle due case all'interno delle mura, e questo ci permetterà di goderci l'esperienza della fiera un po' meglio :)

Le cose da comprare sono ovviamente moltissime, e si finirà come al solito per non comprarne molte e per comprarne molte altre. Per il primo anno, poi, sono interessato anche al settore videoludico: ho acquistato non molto tempo fa una console Nintendo DSi

Il Sollazzo porterà diverse new-entry alla loro prima fiera, e in particolare Bramo e MinnieMouse, che non vedo l'ora di vedere dal vivo.

Bene, tutto questo solo per scaricare un po' di elettrizzazione pre-Lucca. Vi farò sapere poi com'è andata. Intanto godetevi la Canzoncina.

[ Permalink | 4 commenti | Commenta ]

Informatica

Ho tardato un po' a renderlo pubblico, anche perché volevo prima accertarmi di alcune cose, ma ora lo dico con certezza. Passo ad Informatica.

Mi dispiace molto lasciare Fisica, è un sogno che avevo da tempo, uno di quei sogni a cui ti affezioni, sui quali fantastichi per anni. Ma lo studio sta andando davvero troppo a rilento, e ho dei sogni, che più che sogni sono veri e propri progetti, decisamente più grandi e più importanti da raggiungere. Non posso permettere che tutto venga rimandato in maniera indeterminata per il mio voler essere un fisico.

Passo ad Informatica poiché, da sempre, è quello che mi riesce meglio, e perché mi piace davvero molto, abbastanza da non farmi rimpiangere Fisica. E non vedo l'ora di potermi rafforzare dal punto di vista teorico, dato che la mia dilettantesca informatica autodidatta è decisamente troppo basata sulla pratica e sulle cose che mi sono servite negli anni.

Ciò non significa che mi arrenderò nei confronti della fisica, eh. Non si libererà di me tanto facilmente. Ma continuerò ad interessarmene prendendomi il tempo che mi ci vuole, senza la fretta di dover finire o l'obbiettivo di farne una parte consistente della mia vita.

Non ho la certezza di aver fatto la scelta giusta, non manca chi mi dice che è un problema di metodo, e che rischio di trovarmi ad Informatica gli stessi problemi che ho avuto a Fisica. Tra sei mesi, potrò dirvi per bene com'è andata.

In questi giorni, sto cercando di capire cosa mi riconosceranno e quando, e a che anno mi iscriveranno. Qualche credito lo perderò necessariamente, ma meno di quello che si pensava inizialmente. Teoricamente dovrei essere iscritto al secondo, ma non è detto che mi possano riconoscere tutto subito, il che mi porterebbe ad essere iscritto al primo anno, con la speranza che i professori del secondo siano magnanimi e mi facciano fare comunque i loro esami. Paradossalmente, gli esami più in dubbio per il riconoscimento sono quelli di informatica, che sono anche i miei migliori (30 e 30 con lode) :P

Insomma, questo è tutto. Vediamo come va.

[ Permalink | 5 commenti | Commenta ]

Di nuovo a Roma

Ieri sera tardi sono tornato a Roma.

Nonostante tutto, le vacanze in montagna sono andate benone. Il tempo non ci ha assistito (brutto per due settimane, semibrutto e poco fotogenico per la terza), ma abbiamo comunque ampiamente superato l'altezza dell'Everest sommando le salite fatte :P (per i dettagli, è tutto qui, tracce visibili su mappa comprese).

La principale vittoria è stata la conquista del rifugio Mulaz, mai raggiunto (c'era sempre qualcuno troppo piccolo :P). Molto buono il nuovo sentiero, anche se il sole è davvero terribile. Brutta sorpresa, invece, nella salita al Passo Santner: il sentiero tra il Rifugio Vajolet e il Rifugio Re Alberto, in seguito alla costruzione della fognatura del secondo rifugio, è stato ritracciato in maniera più che pessima.

Ho scattato la consueta chilata di foto, che si può ammirare in tutto il suo magnifico splendore (ah, come sono modesto...) da queste parti.

Durante il ritorno abbiamo fatto sosta in una nuvolosa (prima) e piovosa (poi) Venezia, che riesce ad essere magnifica in ogni possibile condizione meteo *__*

Ora si comincia con settembre, che si porta dietro esami e quant'altro. Già martedì mi si potrà molto probabilmente trovare nei dintorni della biblioteca del Dipartimento :P

[ Permalink | 2 commenti | Commenta ]

Agosto

Come di consueto nelle mie estati, sabato parto per le Dolomiti con la famiglia. Saremo, come negli ultimi anni, a Canazei (TN) nei pochi momenti in cui saremo a casa :P

Sarò da quelle parti fino a sabato 28. Considerato anche il lungo periodo, terrò aperti i principali canali di comunicazione: posta elettronica, Facebook, deviantART e telefono cellulare. Non sarò invece presente su altri sistemi di messaggistica (msn, jabber, irc) e su altri network.

Per chi fosse curioso di cosa varò, è pronta questa pagina sul mio sandbox in cui metterò man mano i principali dati (non proprio in tempo reale, ma farò il possibile). Idem per le foto, che verranno pubblicate nella mia gallery deviantART. Per filtrarle dalle altre foto, potete utilizzare questo link, che ovviamente al momento risulta vuoto.

Purtroppo non potrò essere in giro tutti i giorni: mi tocca studiare per gli esami di settembre. Spero di riuscire a bilanciare bene entrambe le cose...

Beh... A presto!

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Luglio

E luglio è iniziato. Come al solito con l'ondata di caldo record. Nessuno specifica che è il record dell'anno e non del secolo, e quindi non lo faccio neanche io. O quasi.

Detto questo, rapido riassunto di quello che sarà per me questo mese.

Dunque, sabato (il 10) partirò per Campitello Matese, in Molise, dove porteremo i nostri Sicomori Curiosi, i ragazzi del secondo anno di preparazione alla Cresima e i giovani (intorno ai 16-18 anni) a fare un campo estivo. Il grosso è organizzato, mancano le ultime piccolezze e siamo pronti alla partenza.

Sarà un'esperienza nuova per i ragazzi: negli ultimi anni si è fatto ben poco di analogo, sostanzialmente a causa dell'assenza di sacerdoti. Speriamo riesca bene, e speriamo di tornare vivi noi animatori. Saranno cinquanta ragazzi, un bel po', ci aspettavamo una partecipazione molto (ma molto, eh) inferiore ed è stata una bella soddisfazione vederli rispondere tanto numerosi.

A fine mese, il 24, partirò invece con alcuni coetanei della mia parrocchia e della parrocchia dei Santi Elisabetta e Zaccaria di Roma. Andremo a Međugorje e dintorni, in Bosnia ed Erzegovina. Torneremo il 28. Sarà un viaggio un po' avventuroso nelle modalità e nei tempi ristretti, ma confidiamo che possa portarci ad un incontro serio e profondo con il Signore, e ad un momento di pausa e riflessione di cui avrei davvero bisogno.

Va specificato che in questi periodi non sarò su Internet e accumulerò centinaia di e-mail (circa cinquanta al giorno) in casella, quindi non vi lamentate se tardo nel rispondere. Per i pochi eletti che hanno il mio numero di telefono, dal 10 al 15 il mio telefono sarà acceso quando possibile. Dal 24 al 28 non sarò nella rete nazionale, il roaming costa molto e non avrò tempo di acquistare una SIM bosniaca. Di conseguenza, sappiate che esistono solo due telefoni in Italia autorizzati a mandarmi SMS senza ricevere accidenti in quattro lingue (italiano, bosniaco, croato e serbo, imparerò gli accidenti appositamente). Evitate quindi di utilizzare il mio numero di telefono.

Chiedo ai cristiani che mi leggono di pregare per questi due momenti, e in particolare di pregare per i cinquanta ragazzi che sabato saranno affidati a noi nel loro cammino di conoscenza del Signore.

[ Permalink | 2 commenti | Commenta ]

L'integrale che non ti aspetti!

Fitness Chocolate - L'integrale che non ti aspetti

Ciò che uno studente di fisica con gli esami tra una settimana non vuole trovarsi davanti appena alzato, a colazione, è quello che vedete nella foto sopra. L'integrale che non ti aspetti!. Argh.

E ovviamente me lo sono trovato davanti stamattina.

Detto questo, sono agli ultimi sgoccioli del tempo per lo studio. Il primo esame è il 30. Ho intenzione di dare due esami, e sono meravigliosamente appiccicati, poiché hanno avuto la geniale idea di fare un solo appello estivo, e tutti gli esami concentrati nella prima metà di luglio. Se da una parte questo è bene, perché mi permette di fare cose in cui non speravo, ad esempio accompagnare i ragazzi dei Sicomori al campo estivo (ma non è ancora detto) e di avere più tempo per Gloria, dall'altra è un disastro, perché il tempo per il ripasso, per me molto fondamentale, è praticamente nullo. Sigh.

Speriamo bene.

[ Permalink | 3 commenti | Commenta ]

Svegliare l'aurora

Tu trattieni dal sonno i miei occhi,
sono turbato e incapace di parlare.

Ripenso ai giorni passati,
ricordo gli anni lontani.

Un canto nella notte mi ritorna nel cuore:
medito e il mio spirito si va interrogando.

(Salmo 77)
Saldo è il mio cuore, o Dio,
saldo è il mio cuore.

Voglio cantare, voglio inneggiare:
svégliati, mio cuore,
svegliatevi, arpa e cetra,
voglio svegliare l'aurora.

Ti loderò fra i popoli, Signore,
a te canterò inni fra le nazioni:

grande fino ai cieli è il tuo amore
e fino alle nubi la tua fedeltà.

(Salmo 57)

Nella notte tra sabato e domenica ho partecipato al Canto nella Notte 2010. Si tratta di un evento organizzato ogni anno dai frati della provincia Umbria dell'Ordine dei Frati Minori. Il Canto nella Notte consiste in un pellegrinaggio notturno verso la Porziuncola simbolo delle origini del francescanesimo e del Perdono di Assisi.

Quest'anno, il cammino iniziava a Perugia Ponte San Giovanni, poco più di una ventina di chilometri, ed iniziava con una catechesi, venendo poi interrotto da altri due momenti di festa (ballare canzoni francescane con arrangiamenti da discoteca in chiesa alle tre di notte, per capirci) e catechesi. La prima catechesi è stata alle 20, e siamo arrivati in Porziuncola alle sei e mezza, con messa alle otto.

Marciando, si chiacchierava (ho conosciuto suor Lula, Sara e Giulia, camminando con loro), si pregava (è stato un momento bellissimo per ringraziare del giorno precedente) e ci si lasciava stupire da quello che ci vedevamo intorno, le lucciole che ci seguivano nel buio, l'aurora che comincia a schiarire il cielo, inaspettata, mentre pregavamo alle quattro del mattino, l'alba e il sole che finalmente si mostra quando siamo in vista della basilica di Santa Maria...

Il tutto insieme a quasi cinquecento coetanei da tutta Italia (un numerone, per un evento pubblicizzato solo con il passaparola), che condividono con te la stessa esperienza e che porteranno ovunque i frutti di questo.

Insomma, dopo una giornata difficile da descrivere, anche la nottata del giorno dopo non è stata troppo da meno.

Tra l'altro, la notte prima ero stato ospitato dai frati minori del convento di Fiesole. Arrivai, avvertendo, in ritardo a causa dello sciopero dei bus, e sono stato accolto in maniera fantastica. Avere fame e sentirsi chiedere "Hai cenato, fratello?", essere accolto come uno di casa da sconosciuti, è un'esperienza che auguro a tutti.

Ecco qualche foto, ovviamente scattata dopo l'aurora. La prima è un pezzetto della lunghissima coda (che terrorizzava gli automobilisti, alcuni devono averci presi per pazzi), la seconda ritrae frate Alfio, organizzatore del percorso, sulla balla di fieno dalla quale cadrà a breve, e nella terza ci siamo Giulia, io e Sara:

Fila Frate Alfio Giulia, io e Sara
[ Permalink | 3 commenti | Commenta ]

Un anno :o)

Gloria ed io

Venerdì ero a Firenze, in una data davvero speciale: un anno prima Gloria ed io abbiamo iniziato il nostro cammino insieme.

È stato un anno meraviglioso, pieno tanto di gioie grandi, più grandi di quello che si riesca ad immaginare, quanto di difficoltà e incomprensioni da superare (e sempre superate, insieme). Un anno difficile da descrivere a parole, ma profondamente bello in ogni suo aspetto.

È bello sentirsi unito sempre più profondamente alla persona che si ama, vedere che le difficoltà più grandi si presentano man mano che cresce la forza per superarle, ed è grandioso costruire pian piano, in due, un futuro comune.

E quest'anno si è concluso con il nostro fidanzamento, e con la gioia immensa che ci dà l'inizio di un nuovo percorso che ci porterà a diventare una cosa sola.

Non ho molto idea di come descrivere per bene tutto questo, quindi lascio così breve questo post. Sappiate solo che ho serie difficoltà nell'evitare di saltellare in giro ogni tanto.

Ringrazio il Signore per questo enorme dono che ci ha fatto e che continua a farci, sorprendendoci sempre ogni volta.

[ Permalink | 4 commenti | Commenta ]

Giugno

Giugno è, come ogni anno, il mese in cui si parte tutti felici perché un bel po' di cose si concluderanno (università a parte, fisica va avanti a luglio inoltrato e mi tocca studiare alla grande), per poi rendersi conto che la conclusione di tutte le varie cose aperte è veramente faticosa.

Lunedí di una settimana fa, si è concluso il cammino del gruppo giovani parrocchiale di cui facevo parte. Un cammino che iniziò ben dieci anni fa per molti di noi, io arrivai circa cinque anni fa. Un cammino che per me ha rappresentato una delle due parti più importanti della mia formazione cristiana, e che mi ha messo accanto diverse persone veramente meravigliose. Ormai era ora che si chiudesse per aprire strade nel servizio e modi diversi di formazione (probabilmente il prossimo anno ci vedremo periodicamente per una scrutatio della Parola), e si è concluso nel migliore dei modi, senza eccessive crisi nostalgiche e con una autentica spinta per andare oltre. Ringrazio qui, anche se molti di loro non mi leggeranno (ma tanto li ho già ringraziati e ri-ringraziati), don Luca, Sabrina, Andrea e Marco, che sono state le nostre guide sempre presenti, anche quando il gruppo non era più affidato a qualcuno di loro, e che probabilmente continueranno ad esserlo loro malgrado :P

Domenica, invece, abbiamo concluso il cammino annuale con il gruppo dei Sicomori Curiosi, il gruppo di dopocresima che guido insieme ad altri. Un anno meraviglioso, in cui il gruppo dall'avere quattro ragazzi è passato ad averne una ventina. Alcuni di loro si sono persi per strada, ma preghiamo perché si rendano conto di quali siano le cose veramente importanti. L'anno iniziò con miei seri timori riguardo il fatto che i ragazzi che si sono aggiunti sono più piccini di quelli che c'erano già, e temevo di perdere i grandi. L'integrazione, invece è stata immediata, e ora siamo una splendida piccola comunità. I problemi sono stati altri, ma pian piano si stanno risolvendo.
La conclusione è stata un incontro nel convento al Celio delle suore Missionarie della Carità (detto così sembra chissà cosa, è un pollaio adattato a convento), seguito dalla messa e da una cena. Al convento, ci ha accolti suor Victoria, che abbiamo scoperto essere una suora che è entrata nell'ordine a dieci anni dalla fondazione, quando ancora Madre Teresa era sconosciuta, e ha conosciuto quindi personalmente e per lungo tempo la Fondatrice. I ragazzi erano affascinati, e noi con loro. Un'esperienza notevole, e mi dispiace davvero molto per quelli che se la sono persa, alcuni per motivi davvero futili.

L'ultima conclusione parrocchiale è quella della catechesi, che per i ragazzi si è chiusa un paio di settimane fa, mentre per noi catechisti si è chiusa ieri con un incontro di verifica. Quest'anno la catechesi, per quanto riguarda me, è andata decisamente meglio che in passato. Per me, che mi sono ritrovato a lavorare con un gruppo di catechisti con i quali mi trovo decisamente molto bene e con i quali si può discutere civilmente il da farsi, e per i ragazzi, che si sono trovati una catechesi meglio organizzata, e fondata sulla Parola invece che sullo scomodissimo e malfatto Catechismo CEI (che, pare, verrà eliminato a breve dalla CEI stessa).

L'università, come detto sopra, si concluderà alla fine di luglio con gli ultimi esami, cosa che mi occupa un mese in cui in realtà ci sarebbero diverse iniziative a cui mi piacerebbe partecipare. Uff. Al momento, quindi, sono in pieno regime di studio.

Questo finesettimana allungato, però, staccherò un po' la mente da tutto questo :)

Venerdì sarò a Firenze con Gloria, a festeggiare il nostro primo anno insieme :D
Probabilmente ne parlerò in un post a parte tra qualche giorno, per quanto sia una cosa troppo grande per essere descritta in qualche modo, posso solo ringraziare di ciò il Signore.

E lo farò la notte tra sabato e domenica: tornato a Roma venerdì notte, partirò sabato per Ponte San Giovanni, vicino Perugia, da dove partirà il Canto nella Notte, una marcia notturna fino ad Assisi, dove si celebrerà la messa domenica mattina. Un'esperienza che non ho mai fatto, e che davvero mi incuriosisce e attrae molto.

E lunedì si torna a studiare...

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Studiando...

Considerando che non aggiorno il blog da un po', e che c'è chi mi segue quasi esclusivamente da qui, eccovi un aggiornamentone.

Febbraio è mese di esami. Ormai la sessione volge al termine, e ho passato (male, ad onor del vero) il primo dei due esami che mi ero proposto e la metà scritta del secondo. L'altra metà doveva essere l'orale di lunedì, che è stato spostato a giovedì. Lo spostamento non mi è piaciuto poi molto. Ho qualche giorno in più, ma non è affatto bello programmarsi una settimana in un modo, con qualche margine di cambiamento, e vedersela stravolta e con margini di cambiamento azzerati. Ed è ancora meno bello se in programma c'è anche del tempo da trascorrere con Gloria dopo due settimane che non ci si vede. Il tempo lo abbiamo poi ritagliato lo stesso, ma non senza ulteriori difficoltà.

Ora, il programma è di passare tre esami a luglio e due a settembre. In realtà uno dei tre di luglio è spalmato in quattro esoneri tra marzo e luglio, che conto di passare. Non è piacevole, ma è comodo. A settembre, dovrei stare ad un punto che mi consente di affrontare ragionevolmente gli esami del terzo anno.

Febbraio è anche un mese di impegni in parrocchia, con l'inizio della Quaresima, preceduto anche da una festa di Carnevale. Cose da organizzare, catechesi specifiche da preparare, eventi più o meno complicati e riunioni di ogni genere. Qualcosa la ho dovuta trascurare, pur con dispiacere, ma non posso (e non possono) pretendere più di tanto dalla mia giornata di ventiquattro ore. Tra le altre cose, c'è da preparare i ragazzi alla Giornata Mondiale della Gioventù diocesana di fine marzo, anche in vista di quella internazionale di agosto 2011 a Madrid.

Febbraio è anche stato un mese di interessanti uscite fumettose, delle quali avrei voluto parlare per esteso da queste parti, e forse lo farò prossimamente. In particolare segnalo il settimo dei nove volumi dello splendido Bone a colori, e il quinto volume della collana Tesori Disney, che ritorna finalmente ad una pertinenza con il progetto originale, pubblicando una splendida saga con bellissimi disegni di Bottaro.

In questi ultimi mesi ho anche recuperato la serie televisiva Lost, davvero meravigliosa e intrigante. Ora sono al secondo episodio della serie in corso, che è anche l'ultima e che conta per ora cinque episodi. Il recupero è merito di Gloria, che mi ha fornito i gigabytes di dati necessari e mi ha convinto a vedere il tutto :o)

Tra le altre cose, volevo anche segnalare al volo che per il terzo anno consecutivo, National Geographic Italia organizza una mostra fotografica gratuita al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Quest'anno il tema è Il Nostro Mondo. Pur non avendola ancora vista (lo farò presto), ve la consiglio caldamente. Le due mostre degli scorsi anni (Acqua, Aria, Fuoco, Terra e Madre Terra) erano splendide.
Perdere una cosa del genere, peraltro gratuita, è inaccettabile. Avete tempo fino al 2 maggio. Occhio, che il Palazzo è chiuso il lunedì.

Insomma, ora avete un riassuntone di quello che faccio e farò nei prossimi giorni, spero di aver messo tutto ciò che mi ero proposto.

La seconda fotografia è © National Geographic Italia
[ Permalink | 3 commenti | Commenta ]

Fotografie

Un po' tutti quelli che leggono da queste parti dovrebbero sapere che tra i miei hobby, c'è quello della fotografia. Mi ha sempre molto affascinato poter fissare delle immagini in maniera che restino, e che continuino a ricordarmi le emozioni che ho provato quando le ho scattate. Ed è molto bello anche il vedere che quelle stesse immagini riescono a trasmettere emozioni agli altri, magari completamente diverse dalle mie.

A molti lettori non dovrebbe neanche essere sfuggito che qui nella colonnina a destra è presente una lista sempre aggiornata dei miei ultimi sei scatti pubblicati.

Per i curiosi, ma maggior parte delle mie fotografie sono state scattate con una macchina digitale compatta, la Panasonic DMC-LZ5, che mi venne regalata dai miei al mio diciottesimo compleanno (la bellezza di ormai quasi quattro anni fa, insomma).

Le mie migliori foto sono raccolte sulla mia gallery nel sito deviantART.

Questo post vuole essere un po' un'invito a dare un'occhiata alla gallery ed eventualmente farmi sapere che ne dite. Un po' di autopromozione, insomma :P

Vi consiglio soprattutto le gallerie dolomitiche, contengono molti degli scatti a mio avviso più belli.

Intanto, vi presento otto dei miei scatti preferiti. Sono in ordine di data, dal più recente.

Florence IV Florence XIII
High altitude works 1 Fedaia
Cima Averau Police Climber
Butterfly 3 After the storm
[ Permalink | Un commento | Commenta ]

Lucca 2009

E ieri sera sono tornato da Lucca. Decisamente giù per il fatto che è finita. Nonostante qualche piccolo e grande problema, è stata una Lucca decisamente buona, per diversi motivi la migliore che abbia passato.

A livello organizzativo qualche stranezza c'era, come ad esempio lo stand Panini separato da quello degli altri editori maggiori. Mancava inoltre lo stand della Disney, cosa mai successa nella storia recente della fiera. La Disney aveva infatti soltanto una conferenza, alla quale abbiamo comunque potuto incontrare De Poli (direttrice di Topolino), Sisti (autore tra i più grandi), Vitaliano (autore), Catenacci (autore) e Ghiglione (disegnatore).

Ho ottenuto parecchia roba:
  • Inkspinster
  • Tesori Disney #4
  • 299+1 a colori
  • Katsu! #7
  • Video Girl Ai completa
  • I due Blue Box de Il Mistero della Pietra Azzurra
  • Un Paperino disegnato dalla Ziche
  • Autografo e disegnino della Ziche su "Prove tecniche di megalomania"
  • Autografo e disegnino di Bevilacqua su "A Panda piace"
  • Autografo di Vitaliano su Topolino

Non sarà del tutto facile riprendere il ritmo della vita quotidiana a Roma. Sono solo quattro giorni, ma belli intensi. Anche per la presenza costante di Gloria accanto a me, che qui non posso avere.

Un resoconto con qualche dettaglio in più e qualche foto di chi era con me li trovate in questo post sulla Tana del Sollazzo
[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Verso Lucca 2009

Domattina parto per Firenze, per poi raggiungere Lucca per il Lucca Comics & Games 2009. Tornerò domenica sera, piuttosto tardi. Quest'anno la succursale in the RL della Tana del Sollazzo sarà a Montecarlo, a mezz'ora da Lucca.

Spero di fare incetta di fumetti, incontri e di tutto ciò di cui si può fare incetta nel posto incredibile in cui Lucca si trasforma in questi quattro giorni. Inoltre, sarò finalmente insieme a Gloria per ben quattro giorni consecutivi :o)

Insomma, non vedo l'ora di essere su quel treno. Ci si risente lunedì. Intanto, godetevi la sigla del Comics, che merita. Nonostante il fatto che quest'anno ne uscirà, stupidamente, una nuova.

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Romics 2009

Ieri sono stato, con Gloria, a Romics, l'ultima fiera del fumetto ancora presente a Roma.

Ho limitato gli acquisti (anche se comunque non c'era moltissimo materiale che mi interessasse abbastanza), in modo da risparmiare per l'imminente Lucca Comics & Games: ho preso solamente Anna della Giungla nell'edizione Oscar Mondadori del 1973 (che è rimontatissima, ma al momento mi accontento).

Ho ottenuto anche un disegno (lo vedete qui a destra) di Giacomo Bevilacqua, l'autore di A Panda piace. Dimenticai di portare l'albo, ricordando a Gloria di portare il suo. Spero di farmelo autografare a Lucca.

La fiera in generale, comunque, sta perdendo colpi. La metà circa degli stand vendevano cose che con i fumetti non avevano praticamente nulla a che fare. Gadget, abiti, musica, o addirittura pura pubblicità e cose poco comprensibili. Addirittura, vicino l'ingresso, c'era lo stand di Cioè. La cosa deve piacere a qualcuno, considerando che la gente in fiera era moltissima, più di quanta i due padiglioni (uno per la fiera e uno per eventi e cosplay) potessero contenerne. E lo stand di Cioè era effettivamente frequentato. Bah.

Moltissimi, come sempre, i cosplayer, anche a causa dello sconto cosplay sul biglietto. La maggior parte non erano originalissimi, ma non erano pochi quelli carini. Geniali e originalissimi questi qui sotto, vestiti da faccine :D



Per il resto, è stata un'ottima giornata, parte di un bellissimo finesettimana con Gloria :o)

[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

Novita' parrocchiali

Ieri (o oggi, la mezzanotte è passata, ma...) è stato inaugurato, in parrocchia, il nuovo anno pastorale.

Noi operatori pastorali abbiamo quindi oggi ricevuto il mandato della comunità per il servizio che andiamo a svolgere.

Come la maggior parte di voi sa, io mi occupo della pastorale giovanile. Guido, con mia sorella, il gruppo post-cresima, e ho anche un gruppo di catechesi sacramentale.

Considerando che lo scorso anno i miei ragazzi hanno ricevuto la Prima Comunione e finito così il loro primo percorso sacramentale, la mia posizione per quest'anno era incerta: pensavo di ricominciare con un gruppo del primo anno di preparazione alle Comunioni, ma avendo il gruppo di post-cresima era anche opportuno passare alla catechesi per le Cresime.

E così è stato. Sono stato messo al servizio di un gruppo del primo anno di preparazione alla Cresima. Un'esperienza nuova, che probabilmente mi permetterà di seguire ancora alcuni dei miei ragazzi degli scorsi anni (poveri loro...). E un'esperienza che in fondo non mi aspettavo molto.

Inoltre, la parrocchia ha un nuovo sacerdote, don Alessandro, che si occuperà proprio della pastorale giovanile dalle Cresime in poi. Tutto questo permetterà con maggiore facilità l'organizzazione di un percorso formativo univoco che vada oltre i sacramenti di iniziazione. Considerato lo stato in cui versa al momento la pastorale giovanile da noi, la cosa è davvero molto positiva.

Si comincia una nuova avventura, sono parecchio contento a riguardo :o)
[ Permalink | Un commento | Commenta ]

Sua lorenzezza

Ogni tanto, in chat, accadono deliri che vale la pena mostrare al mondo. Questo è preso da una chattata di ieri con Mattia, compagno di follie scientifico/linuxeggianti ai tempi del liceo, e ora matricola di Fisica.

(22.42.35) Lorenzo: ti dirò
(22.42.56) Mattia: ok
(22.43.02) Mattia: aspetto sue notizie maestà
(22.43.12) Mattia: :D
(22.43.26) Mattia: o preferisce sua lorenzezza?
(22.43.47) Mattia: :D
(22.44.29) Lorenzo: la seconda.
(22.46.36) Mattia: a sua discrezione sua lorenzezza
(22.47.01) Mattia: gli astri del mattino che piegano i raggi al meriggio
(22.47.16) Mattia: non riescono a rifuggire le sue doti
(22.47.17) Mattia: che tutto permeano
(22.47.27) Mattia: che tutto vagliano
(22.47.32) Mattia: che tutto studiano
(22.47.41) Mattia: e l'agenti
(22.47.56) Mattia: perfino l'impetuoso vento che scavalca
(22.48.06) Mattia: le lontane montagne ad est
(22.48.36) Mattia: non riescono a opporre anche uno schermo infimo alle sue parole
(22.48.57) Mattia: e genti d'ogni paese
(22.49.16) Mattia: che millantano sapienza
(22.49.16) Mattia: e forza
(22.49.22) Mattia: tremano alla sua vista
(22.49.37) Mattia: e piegano lo sguardo dove a loro è più degno guardare
(22.49.56) Mattia: e nollo alzano se non in presenza di loro simili
(22.50.57) Mattia: per lo cui chiedo venia
(22.51.07) Mattia: se a dubitar son giunto con una domanda
(22.51.26) Mattia: a porgere che infedele mi sento
(22.51.52) Mattia: perché fede ho perso nel dubbio e nolui ritrovarla in lei
(22.52.49) Lorenzo: con codesta opulenza di favella, puoi considerarti accordata la mia regale mercede.
(22.53.51) Mattia: gaio e giubilo ricolmano il mio cuore sua lorenzezza
(22.53.52) Mattia: :D
(22.59.57) Mattia: o a parte gli scherzi fammi sapere

ROTFL.
[ Permalink | 3 commenti | Commenta ]

Dolomiti

Da queste parti tutto piuttosto bene. Sono debitamente arrostito (gli ultimi due giorni sono stati decisamente assolati), e oggi ho avuto delle buone notizie che mi hanno fatto stare un po' meglio rispetto a questi ultimi giorni.

Non abbiamo, per diversi motivi, camminato moltissimo per ora. Il log delle passeggiate, con le informazioni su distanze percorse e dislivelli sono da queste parti, e cercherò di tenerle aggiornate.

Le foto, invece, sono invece da queste altre parti. Con la luce sufficiente la mia compatta digitale riesce a darmi quello che le chiedo.

Ricordo che ho serie difficoltà a scaricare siti pesanti come Facebook (eventualmente ne aggiorno lo status via identi.ca, ma questo non vuol dire che lo stia utilizzando) e che quindi i canali migliori per raggiungermi sono la posta (che a meno di cataclismi faccio di tutto per leggere quotidianamente, anche via blackberry se necessario), i commenti a questo post, e il telefono quando sono sotto copertura e per i pochi fortunati che ne conoscono il numero.

Buone vacanze per chi si vacanza, buono studio per chi studia, e buon lavoro a chi lavora. Chi sovrappone le cose, sovrapponga gli auguri :P
[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

In partenza

Domani si parte per il Trentino. Prima dell'alba, sperando (illusi!) di risparmiarci il Tappo di Mestre. Lo si potrebbe aggirare, ma si beccherebbe il Potente Tappone Permanente del Brennero, che è ben peggiore.

Tre settimane di studio, montagna, camminate e studio. Con anche un po' di studio, ogni tanto. Maledetti esami di settembre.

Torno il 29 a notte inoltrata, diciamo il 30 mattina.

Spero di distrarmi un po', che ne ho davvero bisogno. Ma per alcune cose non sarà facile, e neanche lo voglio più di tanto.

Sarà la prima vacanza in montagna dalla quale non mi dispiacerà affatto tornare, considerando anche che dopo la caduta Canazei-Roma, rimbalzerò in direzione Firenze.

Non so se aggiungerò post in queste tre settimane. Proverò però a mettere quasi "in diretta" le foto migliori nella mia gallery su dA.

Per il resto, la mia presenza internettesca si ridurrà alla lettura quasi-quotidiana della posta, ed eventualmente a qualche capatina su Facebook e sul Sollazzo.

Niente messaggistica istantanea, se non quella Jabber/XMPP di gmail mentre leggo la posta.

A presto :o)
[ Permalink | 4 commenti | Commenta ]

Soliti (ma neanche poi tanto) aggiornamenti

Dai, il mio quasi-mensile post con etichetta memedesimo ci vuole.

Che dire? Ho i soliti esami da dare (almeno fino al 28 luglio, sob), compreso qualcuno da recuperare ora o a settembre, e ho alle spalle una prova scritta di Circuiti che non è andata meravigliosamente, cosa che mi costringerà ad una prova orale non banale.

Nonostante le solite noie & gioie, sto però vivendo uno dei periodi più belli della mia vita, lanciato a diventare la mia stessa vita, e non più un periodo.

Il Signore mi ha infatti dato modo, non molti giorni fa, di legare la mia vita, più profondamente di quanto già non lo fosse, a quella di Gloria. E mi ha reso, e ci ha resi, felicissimi, nonostante la nostra distanza geografica (è a Firenze), e nonostante quanto ci sia ancora da costruire.

Non so come presentarla al lettore generico di queste pagine, come dire chi è, in che termini (ammesso che ne esistano) rendere giustizia a cosa io senta con lei, come e cosa raccontare della nostra precedente amicizia. Non lo farò, quindi, anche perché chi ha motivo di saperlo, lo sa già. Mi limiterò a linkare il suo blog, per gli altri :oP

Qualcuno sapeva già qualcosa causa facebook, qualcun'altro in altri modi. Ma volevo dirlo qui, ecco.

:o)
[ Permalink | 4 commenti | Commenta ]

Aggiornamenti

Ormai è un bel po' che non scrivo da queste parti, questo post ha il solo scopo di informare il mondo che, suo malgrado, sono [, credo,] ancora vivo.

Il punto è che sono in fase esoneri (venderdì elettromagnetismo, che spero di passare, e il venerdì successivo analisi complessa, sulla quale non nutro speranza alcuna). Tra cariche-immagine, dielettrici polarizzati, prima equazione di Maxwell (che vedete in tutto il suo splendore qui sopra) e simili amenità, senza contare la vita che ho (?) al di fuori dello studio, mi rimane ben poco tempo.

Inoltre, i miei bimbi del catechismo hanno ricevuto Gesù nell'Eucarestia per la prima volta domenica scorsa. È il primo gruppo che accompagno in questo cammino, e l'emozione è stata notevole. Una faticaccia, ma ne vale decisissimamente la pena :o)

Ora devo decidere se continuare l'anno prossimo, da una parte vorrei smettere per motivi d tempo (accompagno anche il gruppo degli adolescenti), dall'altra i catechisti sono sempre meno e sempre più anziani e distanti dai bambini che guidano. Vedremo.

Sabato e domenica, come ho già scritto da queste parti, sarò a Firenze, per l'evento Da 800 anni per le strade del mondo, in Piazza Santa Croce. Non vedo l'ora, anche per riprendere un po' fiato.
[ Permalink | Un commento | Commenta ]

Onda e inizio lezioni

Oggi, in corrispondenza con lo sciopero dei lavoratori nelle scuole e nelle università, era previsto un corteo di protesta interno alla città universitaria, che sarebbe poi dovuto uscire. Per diversi motivi non ho partecipato, ma non mi è assolutamente piaciuta la gestione della cosa da parte delle forze dell'ordine.

La città universitaria della Sapienza presenta un'uscita principale e diverse uscite secondarie, il resto è circondato da mura. In previsione del corteo, la città universitaria è letteralmente stata presa d'assedio da unità antisommossa dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, che hanno occupato e bloccato ogni ingresso con cordoni di uomini e mezzi (limitando anche il traffico nelle vie intorno). In tal modo hanno impedito l'uscita degli studenti durante il corteo, e sono rimasti anche dopo (per uscire sono dovuto passare praticamente tra gli agenti della GdF).

Il tutto era moostruosamente sproporzionato, i Carabinieri sarebbero (molto) più utili altrove.

Intanto ho ricominciato a seguire le lezioni. Elettromagnetismo, Laboratorio di Elettromagnetismo e Modelli e Metodi Matematici della fisica. I prof non sembrano male. Come esercitatore di Elettromagnetismo ho Giovanni Amelino-Camelia, uno dei più autorevoli fisici a livello mondiale. Wow.

Le dispense di Analisi Funzionale (che con Analisi Complessa forma il corso di Modelli e Metodi), Rudimenti di analisi infinito dimensionale di Filippo Cesi (considerate dal mio prof uno dei migliori testi per il corso) iniziano così:
Tranttandosi di una versione alpha, questa (ehm) "opera" conterrà sicuramente molti errori, imprecisioni, omissioni, dimostrazioni lasciate in sospeso, esercizi incompleti, punti interrogativi, geroglifici o simboli di alfabeti ancora sconosciuti, macchie di sugo, ecc. Il Lettore, nel pieno delle sue facoltà, dichiara di accettare l'opera "così com'è" e dichiara (altresì) che mai e poi mai avrà intenzione di rivalersi sull'Autore per eventuali danni materiali, morali o di altro genere in cui potrà incorrere a causa di informazioni errate, incomplete o anche palesemente malevole contenute nell'opera stessa.

Aiuto.
[ Permalink | 4 commenti | Commenta ]

Guardiamoci, prima di guardarci intorno

Fatto di cronaca: due giorni fa una donna, cittadina rumena, uccide in maniera piuttosto cruenta l'amministratore del suo condominio.

Un fatto come se ne sentono tanti. Ma la grossa differenza, dal mio punto di vista, è che è successo a due passi da casa. Con tutte le conseguenze. L'amministratore era ben conosciuto da persone a cui sono vicino, la figlia dell'omicida (poverina) era nella scuola elementare dove insegna mia madre e dove tengo corsi di informatica, la via è quella dove passo ogni volta che raggiungo la scuola elementare o il mercato.

E, ed è questa la cosa che più si sente, il quartiere tira quotidianamente fuori particolari più o meno fantasiosi per rendere più orrendo un fatto che già lo è abbastanza.

Come se non bastasse, tutto ciò avviene in un momento in cui, in vista dell'attuazione delle nuove leggi in materia, i media non hanno fatto altro che sottolineare e sviscerare nei minimi particolari ogni singolo fatto di cronaca in cui sia implicato un rumeno. Una caccia alle streghe vera e propria.

Bene, sommiamo il bombardamento mediatico al fatto di cronaca, e otteniamo il mondo in cui mi trovo. Sento da due giorni frasi e considerazioni razziste ovunque mi giri. Sento persone che reputavo ragionevoli sparare assurdità. Leggo motti e follie xenofobe su Facebook. Persino in famiglia, ogni tanto qualche allusione viene fuori.

E sono profondamente schifato da tutto ciò.

Il razzismo, e per estensione la xenofobia, sono cose che non sono mai riuscito a capire. E, in seguito ad alcune fatti risalenti all'epoca delle elementari, sono cose che mi spaventano e che combatto (in maniera spesso, purtroppo, anche piuttosto verbalmente violenta). Ma vederlo così da dentro fa uno schifo incredibile. Non posso arrabbiarmi semplicemente con chi inneggia al ridurre a brace il prossimo, mi fa schifo punto e basta.

E spesso, troppo spesso, sento cose del tipo "ma non è che sono razzista, è che loro hanno una cultura diversa e devono andarsene", oppure "ma se la tua cultura ti permette di uccidere così, non sei degno di stare qui".

Ma dico, ci siamo visti? Abbiamo visto lo schifo che siamo in grado di fare noi italiani? Vi ricordate dei bei tipi che hanno dato fuoco ad un uomo in stazione? Ma vi siete mai resi conto di cos'ha fatto la mafia? Ma sapete che emigrando in Europa e America abbiamo esportato la mafia con tutte le sue porcherie? Ma lo sapete che negli USA gli italiani sono la cultura associata all'idea di mafia? Ma avete idea di quanti omicidi assurdi commettano e abbiano commesso gli italiani?

Stando ai giornali, i rumeni (e non solo) sono criminali per tradizione, sono una cultura schifosa, e bisogna avere paura ad avvicinarli. Io ho invece paura ad avvicinare gli italiani, razzisti incapaci di rendersi conto che se i reati commessi fanno la cultura di un popolo, l'Italia ha una cultura di m****. E che se alcuni membri di un popolo sono criminali sono criminali anche gli altri, allora io sarei un mafioso, con tutti gli orrendi reati che conseguono da ciò, e sarei anche un razzista in grado di dar fuoco a chi non mi va a genio.

Prima di schifarci degli altri, facciamo il paragone con noi.

E si badi bene che non sto giustificando un reato orribile, ma sono dalla parte di chi non commette reati e viene considerato pericoloso per la nazionalità, per il taglio degli occhi o il colore della pelle. Vergognamoci.
[ Permalink | 7 commenti | Commenta ]

Sfigometro

Lo sfigometro di Facebook (sulle ascisse la data e sulle ordinate il livello di sfiga) mi disegna qualcosa di tendenzialmente decrescente:

sfigometro


Io dico che c'è qualche problema (anche se, oggi...).

Scenderà ancora?
[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]

IBIS Reloaded

E il blog ricomincia. Senza i vecchi post, senza una parte della storia mia e di questo sito, ma ricomincia. Forse prossimamente carico da qualce parte ciò che ho recuperato del vecchio blog. Il bello è che i vostri commenti li ho ancora tutti!

Passiamo ai dettagli tecnici. Questo nuovo blog si basa su una nuova versione, scritta da zero (a parte qualche idea e qualche pezzetto di codice) del programma IBIS, che gestiva il vecchio blog. Mentre il vecchio IBIS si basava su una banca dati MySQL, questo si appoggia a SQLite, una banca dati serverless originariamente creata per C ma da parecchio tempo ragionevolmente utilizzabile anche da php, che, pur essendo molto meno potente e ricca di MyQL, ha il vantaggio di una enorme flessibilità, che è quello che voglio da un piccolo database di un blog.

Che caratteristiche ha il nuovo IBIS? Nessuna, ovviamente :P

Al momento mostra i post e basta, non gestisce neanche i commenti. Non ho tempo, accidenti. Man mano che aggiungo funzionalità e le provo, le vedrete applicate qui. La priorità al momento è creare un'interfaccina decente per farmi inserire i post e il sistema di commenti (sarà dura, devo trovare un metodo antispam). Ma considerando che, oltre allo studio, anche a livello di programmi da fare ho altre priorità, ci vorrà un po'.

Vorrà dire che i commenti me li fate di persona :P

Detto questo, cosa aggiungere? Qui fa tutto finta di andare bene, ma sono stato male (e non mi sono neanche ripreso del tutto) con l'influenza da venerdì sera, e sono indietro con le consegne per Fisica Computazionale (e tra le consegne in senso lato c'è l'esame di venerdì). Credo di potercela fare, comunque.
[ Permalink | Nessun commento | Commenta ]
© Lorenzo Breda 2005 - 2014. Alcuni diritti riservati
Valid XHTMLWCAG Level AA compilantXFN friendly

Cerca

Me

me

Twitter status

Posizione

Ultimi libri

Ultime foto

Oggi

  • 16:00: Ripetizioni - Paolo

Domani

  • 10:00: Opera don Calabria
  • 16:30: Ripetizioni - Chiara

Si dice in giro...

Temporaneamente disabilitato.

Etichette

Blogroll (opml)

Archivio

    Torna al menu | Torna al testo